Una carezza da Gesù Bambino – Lettera di Mons Bodo ai Carcerati

Carissimi,

con grandissima gioia e con tutte le mie forze vi annuncio la presenza di un Bambino accanto a Voi!

Quest’anno nell’impossibilità di presiedere la S. Messa di Natale con voi, complice il Corona Virus, vi invio i miei più cordiali auguri di un Santo Natale 2020.
La nascita di un bimbo in una famiglia non è forse un evento meraviglioso?
Forse siete padri o madri … Vi ricordate quando avete accolto nella vostra casa il primo figlio? E poi magari il secondo e il terzo … La nascita è il segno di un amore fatto carne. Conosco quanto volete bene a vostri figli e quanto vi mancano; quanto soffrite per loro e quanto vorreste essere a casa vostra in questi giorni di Natale.
Forse, invece, non avete figli; forse in questi giorni sperimentate la tristezza della solitudine …

Qualunque situazione state vivendo, ecco, proprio a voi rivolgo questo annuncio: c’è un bimbo che chiede di essere ospitato nella vostra vita!
E’ un piccolo che discende nel vostro cuore è il Figlio di Dio: Gesù, vostro fratello.

Il Bimbo di Betlemme, se raccolto nelle vostre mani, ha il potere da farvi diventare figli di Dio, il Padre, che non mancherà mai di esserti accanto e amarti per sempre.

Ascoltate il pianto di questo Bimbo e guardate il suo sorriso: le sue mani vi cercano.
Fatevi vicino e lasciatevi salvare, lasciatevi amare, lasciatevi liberare da ogni ombra del vostro passato.

Quest’anno ho pensato di farvi come dono delle attrezzature per il vostro ambulatorio medico, pensando al grande valore della salute.

Questo è il mio augurio, per voi e i vostri famigliari.

+ Cristiano Bodo
Vescovo di Saluzzo